SINDACALE
21 marzo 2015

SINDACALE



Quando si guarda il dito e non la luna

Alcuni giorni fa è apparso sul giornale un articolo dal titolo "Agli agricoltori non piace la legge sui danni da fauna selvatica" mettendo in risalto due righe della legge e cioè quelle destinate alle colture a perdere tralasciando invece tutto il resto degli articolati. Fermo restando che quelle due righe scaturiscono dalle disposizioni della legge nazionale 157/92 e sono una opportunità lasciata alle imprese e non un obbligo (chi ha scritto l'articolo dovrebbe saperlo essendo avvocato di professione e non agricoltore come vorrebbe far credere), forse sarebbe il caso di guardare la nuova legge nel suo complesso e approfondire anche le reazioni che ci sono state dopo la sua approvazione. Innanzi tutto, partendo dal presupposto che le imprese agricole non vogliono danni, le stesse pretendono i risarcimenti e non gli indennizzi quando i danni avvengono e li pretendono in tempi certi, brevi, in modo uguale per tutti e con poca burocrazia e la normativa approvata va in aiuto degli agricoltori, secondo una direzione di semplificazione amministrativa e snellimento burocratico. Come dice la regione, gli “Interventi regionali per la conservazione e gestione della fauna selvatica e per la pianificazione e regolamentazione dell’attività faunistico venatoria” si propongono di andare oltre la semplice prevenzione e gli indennizzi in favore di coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali, categorie cui è riconosciuta priorità. Scopo della legge è infatti anche la tutela, la gestione, il controllo della fauna selvatica presente nel territorio regionale in maniera stabile o temporanea. Insieme alla conservazione degli habitat e a una corretta regolamentazione dell’attività faunistico-venatoria. La legge definisce anche un complesso sistema di interventi, tra i quali figura la “ricomposizione degli squilibri ecologici all’interno delle aree naturali protette regionali”. Indirizzi e direttive sono previsti per piani di abbattimento selettivo degli “ungulati cacciabili”, quali i cinghiali. Prevista la vendita delle carni degli animali uccisi. La Regione promuoverà il controllo delle specie che, per presenza e densità eccessive, danneggino boschi, sistemi ecologici, agricoltura e assetto idrogeologico. È vero che vengono sostenute economicamente misure di prevenzione come le recinzioni, le coltivazioni a perdere e il foraggiamento dissuasivo ma per la prima volta potranno essere oggetto di indennizzo oltre alle colture e agli animali da reddito, gli impianti di irrigazione, le serre, le opere di protezione dei terreni coltivati e degli allevamenti. Previsto l’indennizzo sia dei danni causati dalla fauna selvatica che di quelli prodotti dall’attività venatoria. Particolarmente interessante è il fatto che la nuova legge rende disponibili strumenti di indennizzo alternativo come le assicurazioni incentivando la stipula di contratti assicurativi da parte degli imprenditori agricoli e rafforza la capacità di intervento di tutti gli enti preposti e soprattutto degli ATC per quanto riguarda le modalità di accertamento e riconoscimento dei danni evitando la dilatazione dei tempi che non coincidono con quelli dell’impresa. Per chi afferma inoltre che non si tratta di una legge che tuteli gli agricoltori o che non favorisce abbattimenti per il contenimento delle specie dannose, è importante leggere i commenti di alcuni esponenti politici contrari come Silvana Denicolò di 5 Stelle che dice " Il M5S Lazio è stata l’unica forza politica a votare contro l’approvazione di una legge dannosa e inutile, che tutela i cacciatori a discapito della fauna selvatica laziale. Siamo contro il modo in cui è stato normato l’abbattimento selettivo degli animali selvatici, ….…… e siamo contro una legge dove la prevenzione è sacrificata in favore dell’abbattimento" oppure come dice Filiberto Zaratti di Sel “Il provvedimento, frutto di un accordo bipartisan maturato alla Pisana - dice Zaratti - va ben oltre la necessità di adottare misure efficaci e più snelle per riconoscere agli imprenditori agricoli professionali e ai coltivatori diretti giusti indennizzi per i danni derivanti da fauna selvatica, spesso conseguenza dell’attività di importazione e rilascio di specie alloctone ad uso venatorio, che sono la principale causa dei danni arrecati all'agricoltura “. “Il provvedimento legislativo appena approvato – continua Zaratti - introduce un nuovo sistema di controllo della fauna selvatica presente nel territorio regionale, dando maggior impulso agli interventi legati all’attività faunistico venatoria, che può avvenire in deroga dai calendari venatori e perfino commercializzando le carni degli animali abbattuti. Il compito di attuare e coordinare gli interventi previsti dai piani di abbattimento selettivo è affidato ad una nuova struttura organizzativa della direzione regionale Agricoltura, cui sono affidati tutti i poteri, esautorando di fatto anche gli Enti di gestione delle arre naturali protette che non saranno più responsabili della gestione e controllo della fauna selvatica nei Parchi”. Per una volta proviamo a guardare la luna e non il dito che la indica, ma forse per qualcuno, abituato a vedere solo il suo e non il bene di tutti, è più importante il dito.

Seguici su Twitter Coldiretti
Seguici su Twitter Coldiretti Lazio
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi