OP CARATTERIZZANTE PER IL LAZIO
3 giugno 2013

OP CARATTERIZZANTE PER IL LAZIO

Frosinone e Latina unite per valorizzare la mozzarella di bufala prodotta nei rispettivi territori. Grazie all'organizzazione dei produttori che la Coldiretti intende costituire, gli allevatori potranno aprire un nuovo ciclo per valorizzare il proprio prodotto, cogliendo anche grandi opportunità reddituali. L'obiettivo prioritario è quello, mediante la costituzione di una O.P. (organizzazione di produttori), di presentarsi sul mercato con una forte caratterizzazione del marchio Lazio, ma ulteriori vantaggi potranno ottenersi, ad esempio, dalla possibilità di centralizzare gli acquisti, ottenendo concrete riduzioni dei costi di produzione. "Una finalità impegnativa - chiosano Paolo De Cesare e Saverio Viola, direttori delle sedi Coldiretti di Frosinone e Latina - ma che può e deve essere raggiunta per consentire agli allevatori di bufala laziali di utilizzare il proprio latte per produrre ottima mozzarella e presentarsi così con un prodotto di eccellenza direttamente ai consumatori". "Ritengo che il territorio laziale debba sempre più valorizzare il proprio prodotto, anche rimarcando le differenze con la Campania, dove, purtroppo, troppo spesso si sono verificati episodi che hanno causato gravissimi danni all'immagine di un prodotto straordinario come la mozzarella, dallo scandalo della mozzarella alla diossina ai casi di brucellosi negli allevamenti, dalle importazioni di cagliate dall'estero ai ben noti problemi di infiltrazioni della criminalità. Tutto ciò causa danni ai tanti allevatori onesti, ovviamente anche campani, ma a maggior ragione agli allevatori laziali che operano in un territorio fortunatamente ancora incontaminato" dichiara Paolo De Cesare.
Dopo varie riunioni ed incontri che si sono svolti nelle due province, ieri sera ad Amaseno, alla presenza anche dei presidenti di Coldiretti Latina, Carlo Crocetti, e Frosinone, Vinicio Savone, si è tenuta un'importante riunione alla quale hanno preso parte alcune cooperative e oltre cento allevatori. "L'incontro - chiosano i direttori -  è stato importante per definire il percorso che abbiamo intrapreso. La prossima data in agenda è il
24 giugno prossimo quando, dinanzi al notaio, verrà costituita ufficialmente la nostra O.P.". Anche dalla Regione Lazio, nelle scorse settimane, l'assessore regionale alle politiche agricole Sonia Ricci ha avuto parole di incoraggiamento per questo percorso, che in tempi rapidi Coldiretti ha avviato per valorizzare il prodotto di bufala prodotto nel Lazio.
"La mozzarella prodotta nelle province di Latina e di Frosinone - hanno spiegato i presidenti Crocetti e Savone - merita una valorizzazione diversa da quanto avvenuto sino ad oggi, che veda impegnati tutti gli attori della filiera. Nel nostro progetto sono presenti non solo gli allevatori ma anche alcuni tra i più noti ed importanti produttori che possiedono  caseifici, mediante i quali realizzare la mozzarella e procedere direttamente alla commercializzazione di un eccellente prodotto "made in Lazio" che possa finalmente premiare gli sforzi e i sacrifici dei nostri produttori che con passione e abnegazione garantiscono un prodotto di qualità".

Seguici su Twitter

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi