E’ L’ORA DEL RILANCIO
24 ottobre 2011

E’ L’ORA DEL RILANCIO

Per un’Organizzazione professionale come Coldiretti non c’è mai tregua, e così come le stagioni che scandiscono il tempo ed i ritmi dell’agricoltura, così anche per noi l’autunno rappresenta un momento importante della nostra vita sindacale. E’ il momento della messa a dimora di progetti e programmazione per dare sempre più risposte e seguire il settore agricolo nelle sue diverse sfaccettature.
Tanto abbiamo riscosso finora, ma ancora tanto c’è da fare soprattutto a causa di una politica altalenante che coinvolge i diversi livelli istituzionali, quello di diretta interlocuzione, per noi, è la regione e nei suoi riguardi stiamo “affilando le armi” per un ulteriore rilancio.
***************************
L'autunno e' il mese della caduta della foglie degli alberi che iniziano il loro letargo, ma questa stagione, per le organizzazioni di categoria, per i sindacati, per la politica rappresenta il momento della programmazione stagionale, e COLDIRETTI e' li, pronta, anzi  prontissima ai nastri di partenza per avviare la sua stagione sindacale.
E' l'ora del rilancio:
Questi primi due anni del governo Polverini sono stati anni di ristrutturazione dei debiti, di riorganizzazione strutturale assolutamente necessaria in quanto la precedente legislatura, per quel che riguarda l'agricoltura, non ha dato  nessuna risposta concreta al settore, ma ora bisogna passare alla fase del rilancio, dello sviluppo, del sostegno, degli investimenti per un settore primario e centrale come quello dell'agricoltura.
Ma nonostante sia il settore “primario” registriamo che è in grande difficoltà per non dire in sofferenza più di altri: i prezzi troppo bassi dei prodotti (latte , ortofrutta cereali , uva ecc.) gli elevati costi di produzione la mancanza di un credito adeguato, fanno si che le cinquantamila aziende agricole laziali rischiano il tracollo.
Paradossalmente, possiamo però dire che gli strumenti ci sarebbero, ma molte volte per motivazioni contingenti ed a volte  puerili, non vengono adoperati, è per questo che Coldiretti ritorna alla carica chiedendo con  con forza:

  • di accelerare e erogare quanto prima i finanziamenti del piano di sviluppo rurale;
  • di accelerare l'approvazione del regolamento sul credito agrario facendo così gli intervenni di settore  con la  copartecipazione dei  confidi;
  • di intervenire con una politica adeguata e validamente finanziata a sostegno dei prodotti locali (dop DOC igp) prodotti di cui il Lazio e' ampiamente fornito al fine di sdoganarci dalle regole di mercato che massificano tutto e  tutti.

E' giunta l'ora di fare uno scatto in avanti dando un segno evidente di discontinuità, altrimenti la nostra valutazione sarà la stessa di quella fatta per il precedente governo: “mancanza di risposte concrete”.
E Coldiretti farà il suo mestiere, non starà con le mani in mano in attesa che scenda la manna dal cielo, e come nelle sue prerogative tornerà in campo a sostenere le proprie battaglie: inizialmente chiederà un confronto a tutto campo con la giunta regionale, portando sul tavolo le proprie idee e proposte, (sostegno alla vendita diretta, sostegno al credito agrario, intervento sulle emergenze epidemiologiche, ristrutturazione degli enti agricoli, sostegno alla promozione delle eccellenze agricole del Lazio, sburocratizzazione  degli uffici e concertazione a tutto campo), e questo, come abbiamo avuto modo di dimostrare, è il momento della proposta, ma  ci sarà anche il momento in cui torneremo a far ruggire i nostri trattori invadendo strade e piazze fin quando l'agricoltura ed i suoi operatori non saranno inseriti  al centro del dibattito politico di questa regione.
L'autunno è iniziato e per Coldiretti non sarà un autunno tiepido, ma sarà' un autunno caldo, anzi caldissimo.
Aldo Mattia

Seguici su Twitter

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi