COLDIRETTI VITERBO FA PRORPIO L’APPELLO URGENTE PER UNA RIFORMA DELLA RETE DEI CONSORZI DI BONIFICA ANCORA NESSUNA RISPOSTA
13 dicembre 2013

COLDIRETTI VITERBO FA PRORPIO L’APPELLO URGENTE PER UNA RIFORMA DELLA RETE DEI CONSORZI DI BONIFICA ANCORA NESSUNA RISPOSTA


Coldiretti Viterbo fa proprio e rilancia quanto stigmatizzato dalla sede regionale dell’organizzazione attraverso le dichiarazioni del presidente David Granieri ed il direttore Aldo Mattia.
Attraverso una lettera congiunta a firma proprio di Granieri e Mattia, inviata lo scorso mese di agosto e indirizzata all’assessore alle Infrastrutture, politiche abitative, ambiente della Regione Lazio, Fabio Refrigeri, - spiega Andrea Renna, direttore di Coldiretti Viterbo - Coldiretti aveva messo in evidenza l’urgenza di mettere mano ad una seria riforma del Sistema dei Consorzi di Bonifica con l’obiettivo di rafforzarne il ruolo nella conservazione e difesa del suolo oltre che nella tutela delle risorse idriche e dell’ambientale. In particolare Coldiretti ritiene che il processo di riforma debba essere affrontato sotto una duplice prospettiva: la prima riguarda l’assetto complessivo dei Consorzi di Bonifica sia sul territorio che nel proprio modello organizzativo interno.
“In un periodo delicato come questo”  - aggiunge Renna - sono necessarie strutture snelle e poco costose e riteniamo di dover prevedere una nuova articolazione territoriale in modo da ottenere meno Consorzi di Bonifica a livello Regionale, ma certamente più efficienti  nella loro azione e nei compiti loro affidati. Oltre ad una loro riorganizzazione sul territorio è fondamentale operare per garantire ai Consorzi stessi una netta separazione tra il livello gestionale e quello politico”.
La seconda prospettiva riguarda le funzioni, le competenze e i ruoli dei Consorzi di Bonifica anche per quel che concerne il rapporto con gli altri attori istituzionali e del territorio. “Infatti- come ha spiegato Mauro Pacifici, Presidente di Coldiretti Viterbo- i Consorzi di Bonifica devono tornare ad essere l’autorità idraulica competente per il territorio con veri poteri organizzativi, di intervento, vigilanza e controllo su tutto il comprensorio di bonifica di competenza, in stretto contatto e collaborazione con le Province, le Comunità Montane e i Comuni”.
Quella chiesta a gran voce, da Coldiretti, è un’ importante riforma che il mondo agricolo chiede di attuare considerando che i Consorzi di Bonifica rappresentano un’importante realtà di autogestione del territorio.
Un appello purtroppo caduto nel vuoto, visto che dall’assessore Refrigeri non è giunta ancora alcuna risposta. 

Seguici su Twitter Coldiretti
Seguici su Twitter Coldiretti Lazio
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi