COLDIRETTI ROMA: PER IL MALTEMPO SEGNALATI DANNI A MACCHIA DI LEOPARDO IN MOLTE ZONE DEL TERRITORIO
28 novembre 2012

COLDIRETTI ROMA: PER IL MALTEMPO SEGNALATI DANNI A MACCHIA DI LEOPARDO IN MOLTE ZONE DEL TERRITORIO

“Con le violente precipitazioni di oggi, che si sono abbattute sulle campagne romane, da molti dei nostri uffici presenti nel territorio della provincia di Roma, abbiamo ricevuto segnalazioni di danni da parte degli imprenditori agricoli che lamentano, soprattutto, problemi nei terreni ”. Così David Granieri, presidente di Coldiretti Roma che ha aggiunge: “Sembra siano andate distrutte colture orticole autunnali, con centinaia di ettari già seminati e, danno ancora maggiore, su una percentuale significativa di ettari è stato asportato terreno superficiale, cioè quello arabile e quindi produttivo”. Coldiretti Roma, tramite le proprie strutture, sta mappando un primo censimento dei danni. “Il patrimonio ambientale e paesaggistico, e quindi di riflesso alla sicurezza idrogeologica per lo stesso territorio – ha detto il direttore della sede di Roma, Aldo Mattia – va tutelato e, a maggior ragione, in un momento sempre più spesso purtroppo devastante dal punto di vista climatico per l’agricoltura, c’è bisogno di prevenzione dal punto di vista idrogeologico. Gli effetti dei cambiamenti climatici in atto che - continua Mattia - si manifestano anche in provincia di Roma così come nel Lazio, con una maggiore frequenza degli eventi estremi, sfasamenti stagionali e una modificazione della distribuzione delle piogge. Una situazione che aumenta il pericolo di frane e smottamenti in un territorio che globalmente paga il prezzo dell’abbandono dell’agricoltura nelle zone difficili e la cementificazione in quelle piu’ ricche”. “Come Coldiretti – ha concluso Granieri -siamo impegnati in programmi di tutela, salvaguardia e manutenzione del patrimonio ambientale, agricolo e strutturale grazie alle nostre azioni inserite nel piano di filiera di un’agricoltura tutta italiana. Invitiamo pertanto, ancora una volta, i singoli sindaci ad attivarsi per verificare, ognuno per il proprio territorio, la verifica dei requisiti minimi per attivare eventualmente quanto stabilito per il riconoscimento dello stato di calamità. E’ comunque giunto il momento di individuare i giusti percorsi per fronteggiare gli eventi calamitosi anche mediante fondi necessari a realizzare azioni utili al rispetto del sistema eco-ambientale e idro-geologico, intervenendo con tempestività e costanza”.

Seguici su Twitter Coldiretti Lazio

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi