CARNE
27 ottobre 2015

CARNE

Coldiretti Roma: «Evitare allarmismi: Italia primeggia per qualità»

«La decisione dell'Oms di inserire le carni lavorate e le carni rosse nella lista delle sostanze cancerogene non può essere valutata senza considerare attentamente il contesto italiano. Determinanti sono la quantità dei consumi e la qualità delle materie prime, di altissimo livello nel nostro Paese poiché ottenute nel rispetto di severe regole di produzione che ci assicurano il primato a livello europeo per numero di prodotti a base di carne “Doc”. Inolte gli italiani, nel rispetto della dieta mediterranea, consumano carne rossa mediamente 2 volte a settimana, il 54% in meno rispetto, ad esempio, agli americani. Tutti fattori che, ai fini di una corretta informazione, devono essere evidenziati per evitare inutili allarmismi che rischiano di colpire un settore cruciale per l’agroalimentare. Per garantire la salute dei cittadini è fondamentale l’obbligo di etichettatura d’origine per tutti gli alimenti». - Lo comunica David Granieri, presidente di Coldiretti Roma.
 

 

Seguici su Twitter Coldiretti
Seguici su Twitter Coldiretti Lazio
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi