ATTIVITA’ DI CONTROLLO
19 aprile 2014

ATTIVITA’ DI CONTROLLO

Coldiretti  per la Pasqua ha elaborato un vademecum antifrode, nell’esprimere apprezzamento per l’operazione “Pulizie di Pasqua” condotta dai carabinieri dei Nas che sul territorio italiano e anche provinciale hanno eseguito ispezioni rilevando varie violazioni e sottoponendo a sequestro alimenti tra cui  uova, colombe e dolci pasquali.  “Quando è possibile - afferma Saverio Viola, direttore di Coldiretti Frosinone– meglio rivolgersi direttamente agli allevatori o al macellaio di fiducia o acquistare i principali prodotti tipici”. 
Coldiretti ricorda di controllare sempre le etichette e di acquistare nei posti sicuri. Se l’uovo di cioccolato migliore è quello “puro”, che non contiene oli tropicali o altri grassi vegetali e se fondente va scelto in relazione al contenuto di cacao che è preferibile sia sopra il 50 per cento, per quello di gallina è bene guardare sempre la data di scadenza e il codice stampato sul guscio  che con il primo numero consente di risalire al tipo di allevamento (0 per biologico, 1 all'aperto, 2 a terra, 3 nelle gabbie) mentre la seconda sigla indica lo Stato in cui è stato deposto (es. IT) ed infine l’agnello è meglio acquistarlo dagli allevatori. “Nel rispetto della sana alimentazione e dei prodotti delle nostre terre anche controllare le etichette è un passo di importanza fondamentale” continua Vinicio Savone, presidente di Coldiretti Frosinone.
Le uova di gallina  insieme alla data di scadenza hanno anche un sistema di etichettatura obbligatorio che consente di distinguere la provenienza e il metodo di allevamento. Per leggere l’etichetta occorre fare attenzione a un codice il cui primo numero consente di risalire al tipo di allevamento (0 per biologico, 1 all'aperto, 2 a terra, 3 nelle gabbie), la seconda sigla indica lo Stato in cui è stato deposto (es. IT), seguono le indicazioni relative al codice ISTAT del Comune, alla sigla della Provincia e, infine il codice distintivo dell'allevatore. Per i tanti che approfittano dei ponti di primavera per recarsi in agriturismo il vademecum della Coldiretti consiglia di scegliere gli agriturismi in cui l'attività agricola è visibile e dove l'accoglienza sia di tipo cordiale e curata direttamente dall'imprenditore agricolo o dalla sua famiglia ma anche di controllare il legame dell'azienda con l'attività agricola, il tipo di azienda e i prodotti coltivati direttamente e accertare che nel menu offerto siano indicati alimenti stagionali e tipici della zona. Meglio preferire - conclude la Coldiretti - le aziende che aderiscono a una associazione come Terranostra o Campagna Amica che sono segnalate dalle guide o, per chi usa il computer e internet, sul sito www.terranostra.it

Seguici su Twitter Coldiretti
Seguici su Twitter Coldiretti Lazio
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi