AGRICOLTORI ESASPERATI
25 luglio 2013

AGRICOLTORI ESASPERATI

Il Presidente della Coldiretti ciociara, Vinicio Savone, e il Direttore De Cesare hanno incontrato Edmondo Vivoli e Sandro Filippi, Presidenti dei due Ambiti Territoriali di Caccia della provincia. L’incontro si è reso necessario per affrontare il problema dei danni procurati dalla fauna selvatica alle colture e agli allevamenti. “Ormai non si contano più le segnalazioni che quotidianamente riceviamo dai nostri associati per i danni subiti a causa degli animali selvatici” – dichiara il Presidente Savone. Si segnalano danni da varie specie, tra cui cornacchia, gazza, istrice, ma sicuramente i danni maggiori sono causati dai cinghiali, ormai numerosissimi, che si muovono in mandrie anche di 50 capi e distruggono intere coltivazioni. Di diverso genere, invece, le segnalazioni provenienti dai monti Simbruini e dalla Valle di Comino, dove si segnalano uccisioni di bovini e ovicaprini da parte di lupi e, ultimamente, anche da parte di orsi. “Ai Presidenti degli ATC abbiamo sottoposto la drammatica situazione in atto e con loro abbiamo convenuto di proporre alla Provincia un piano straordinario di controllo della fauna selvatica con censimento numerico dei cinghiali e abbattimenti selettivi a protezione dei fondi coltivati. Per quanto riguarda, invece, i capi uccisi da lupi e orsi, occorre senz’altro semplificare le procedure burocratiche, soprattutto quelle di verifica, di smaltimento, di perizia e di rimborso. ” – conclude Savone. I presidenti degli ATC hanno espresso piena condivisione delle ragioni degli agricoltori, manifestando solidarietà e disponibilità a ricercare insieme tutte le possibili soluzioni. “Le linee di azione sono prevalentemente due – dichiara il Direttore De Cesare – da un lato risarcire tempestivamente gli agricoltori e dall’altro agire per evitare e prevenire ulteriori danneggiamenti. Ricordo che la fauna selvatica è patrimonio indisponibile dello Stato, che, pertanto, risponde dei danni da essa arrecati. Ad oggi attendono ancora di essere evase 493 richieste di rimborso per gli anni 2011 e 2012 per un totale di € 331.158”. Per questi motivi la Coldiretti ha dichiarato lo stato di mobilitazione, che continuerà anche con specifiche forma di protesta, finché non arriveranno risposte certe.
 

Seguici su Twitter

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi